Elisa On Tour 2016

Il prossimo autunno Elisa porterà in scena il suo “On Tour 2016” nei palazzetti italiani. Si parte il 5 novembre da Rimini con la “data zero” per concludersi ad Acireale al Pal’Art Hotel il 7 dicembre. In scaletta i successi più celebri della sua carriera più alcuni brani dell’ultimo disco “ON” tra cui la pluripremiata “No Hero” e “Love me forever” che è tra le hit più amate di quest’estate e che l’artista di Monfalcone ha scritto quando aveva solo 14 anni.

Elisa ha annunciato che ad aprire i concerti dell’”On Tour 2016” sarà Lele Esposito, uno dei finalisti di Amici dell’edizione passata.

Il suo ultimo album “On” è certificato ORO mentre “No Hero”, primo singolo estratto ha ricevuto la certificazione PLATINO e, ad oggi, oltre 22 milioni di visualizzazioni su youtube. Rappresenta una nuova era per Elisa che ritorna alla lingua inglese con cui, ha ammesso, di essere più a suo agio e ha scelto di non privilegiare un unico genere musicale bensì di spaziare liberamente tra le sonorità del pop.
I biglietti del tour sono disponibili su Ticketone e sui circuiti di prevendita abituali.

Le date dell’”On Tour 2016”
– 05 novembre: Rimini, 105 Stadium (data zero)
– 11 novembre a Firenze – Nelson Mandela Forum
– 12 novembre a Livorno – Modigliani Forum
– 14 novembre a Torino – Pala Alpitour
– 15 novembre a Genova – 105 Stadium
– 19 novembre a Roma – PalaLottomatica
– 22 novembre a Bologna – Unipol Arena
– 23 novembre a Montichiari – Pala George
– 25 novembre e 26 novembre a Milano – Mediolanum Forum (Assago)
– 28 novembre e 29 novembre a Padova – Kioene Arena
– 1 dicembre a Pescara – Palasport Giovanni Paolo II
– 3 dicembre a Napoli – Palapartenope
– 4 dicembre a Bari – Palaflorio
– 6 dicembre a Reggio Calabria – PalaCalafiore
– 7 dicembre ad Acireale – Pal’art Hotel

CONDIVIDI
Siamo l’unica cellula vitale di un palazzo di via dei Mille dove abbondano badanti, cani antipatici e zanzare senza scrupoli. Beviamo più caffè che acqua e gli unici contratti a tempo indeterminato li abbiamo fatti alle sigarette. Passiamo la giornata a sfotterci, a spettinare idee, a soffrire con entusiasmo e a ricevere tutti i pazzi che riescono a trovarci. Il problema è che ritornano anche, perché ormai ci considerano una Onlus.

LASCIA UN COMMENTO