Green Day

Il prossimo gennaio inonda di rock le arene italiane. Tornano in Italia i Green Day, a distanza di più di tre anni, con quattro concerti in giro per lo Stivale. La band californiana presenterà ai fan il nuovo album, in uscita in tutto il mondo il 7 ottobre, pubblicato con l’etichetta Reprise Records, esibendosi a Torino (il 10 gennaio), Firenze (l’11), Bologna (il 13) e Milano (il 14). Dodicesimo cd, anticipato dal singolo Bang Bang, che conferma la grinta e la carica punk del trio di Berkeley.

Il tour mondiale partirà dagli Stati Uniti il 20 settembre, con la prima tappa a St. Louis, e terminerà il 20 ottobre nella città dove tutto ha avuto inizio, Berkeley. Dall’altro lato dell’oceano, sarà proprio l’Italia ad inaugurare le performance europee del 2017, tutte aperte dall’esibizione dagli Interrupters, che infiammeranno le principali città fino all’8 febbraio, con le date di Londra.

I biglietti per i concerti italiani possono essere acquistati dal 9 settembre su TicketOne.

Ecco tutte le date del tour europeo:
10 Gennaio: Torino, Italia, Pala Alpitour
11 Gennaio: Firenze, Italia, Mandela Forum
13 Gennaio: Bologna, Italia, Unipol Arena
14 Gennaio: Milano, Italia, Mediolanum Forum
16 Gennaio: Zurich, Switzerland, Hallenstadion
18 Gennaio: Manheim, Germany, SAP Arena
19 Gennaio: Gen Berlin, Germany, Mercedes Benz Arena
21 Gennaio: Krakow, Poland, Tauron Arena
22 Gennaio: Prague, CZR, Tipsport Arena
25 Gennaio: Gen Oslo, Norway, Spectrum
27 Gennaio: Gen Stockholm, Sweden, Globe
28 Gennaio: Malmo, Sweden, Arena
30 Gennaio: Gen Cologne, Germany, Lanxesse
31 Gennaio: Amsterdam, Holland, Ziggo
02 Febbraio: Brussels, Belgium, Forest
03 Febbraio: Paris, France, Le Bercy
05 Febbraio: Leeds, UK, Arena
06 Febbraio: Manchester, UK, Arena
08 Febbraio: London, UK, O2 Arena

CONDIVIDI
Siamo l’unica cellula vitale di un palazzo di via dei Mille dove abbondano badanti, cani antipatici e zanzare senza scrupoli. Beviamo più caffè che acqua e gli unici contratti a tempo indeterminato li abbiamo fatti alle sigarette. Passiamo la giornata a sfotterci, a spettinare idee, a soffrire con entusiasmo e a ricevere tutti i pazzi che riescono a trovarci. Il problema è che ritornano anche, perché ormai ci considerano una Onlus.

LASCIA UN COMMENTO