Il rosso è stato il colore dell’edizione appena trascorsa del Festival del Cinema di Cannes, il colore della passerella e del fuoco, come quello che è divampato intorno alla locandina del Festival: l’immagine ritrae una giovanissima Claudia Cardinale che balla sui tetti romani all’alba degli anni Sessanta. Un frammento rappresentativo della Dolce Vita e della bellezza italiana diventata celebre nel mondo grazie ad attrici straordinarie. Un ricordo dell’epoca d’oro del cinema nostrano che con photoshop è stato omologato al tipo di donna filiforme preferito oggi. Una violenza del cinema nei confronti della sua stessa storia. Questo tuttavia non è stato l’unico abuso ai danni della bellezza visto a Cannes, abbiamo infatti raccolto alcuni tra i peggiori look visti sul tappeto rosso.

  1. Il non-vedo bei film di questa edizione è stato compensato dall’eccome-se-vedo degli abiti di modelle e attrici sulla Croisette, un esempio su tutte: Jourdan Dunn.
  2. Jessica Chastain e Bella Hadid fanno parte della categoria “complementi d’arredo”, entrambe infatti non essendo riuscite a trovare un vestito in tempo sono state costrette a rubare l’arredamento dell’hotel in cui alloggiavano. Chastain ha scelto eleganti tende firmate Givenchy, Hadid una trapunta rosso fuoco. Perchè non si sono limitate a rubare le ciabattine di spugna come fanno tutti?
  3. Elle Fanning ruba l’idea dell’abito da sposa di Angelina Jolie e decide di fare disegnare ai nipotini lo strascico del suo Vivienne Westwood.
  4. Naomi Harris ha reso al famosissimo frappuccino unicorn di Starbucks con il suo look multicolore. Almeno questa è la versione ufficiale, sembra più probabile invece che la sua lavanderia abbia sbagliato candeggio.
  5. Quale scommessa avrà perso Kendall Jenner per presentarsi sul red carpet con i gambaletti color carne?
  6. Passare dalla Sonrisa del Boss delle cerimonie al Festival di Cannes è un attimo per Salma Hayek.

Per fortuna anche quest’anno non è mancata Susan Sarandon, a settant’anni è senza dubbio la più sexy e rock del Festival. E lo sa. Chapeau.

CONDIVIDI
Per gli amici Neve, per gli altri "Maria che?", un nome non comune spia di una personalità altrettanto inusuale, insomma, un destino segnato all'anagrafe. Ha la testa tra le nuvole e vive in un mondo tutto suo, un po’ Emma Bovary un po’ Perelà, ma guai a farglielo notare! Molto bisbetica e poco domata. Famelica di letteratura e di cibo, nella sua borsa non mancano mai un raccolta di poesie e una busta di patatine alla paprika. Se la vedete muoversi trafelata per la sua amata Napoli non c’è da preoccuparsi: corre per non perdere la metro e per domare i sensi di colpa. È una procrastinatrice professionista, perché se la consegna non è sul filo non ha senso scrivere il pezzo.

LASCIA UN COMMENTO